Iniziative

Published on agosto 14th, 2016 | by Militant

0

CT\19.8 Proiezione “Acqua d’argento”

Siete tutti invitati a partecipare, venerdì 19 agosto a Catania, alla proiezione del film “Acqua d’argento” e al dibattito che seguirà sul tema siriano e mediorientale e per sfatare alcuni miti di larghi settori della sinistra.

L’evento è organizzato da Pdac, Red Militant e associazione Oudah per la resistenza in Siria.

Appuntamento ore 18,00 presso la Sala Cento Fiori in via Campofranco 89 Catania (zona Stazione C.le\v.le Libertà). Vi aspettiamo!

———————————————————–

Applausi e standing ovation hanno accolto al Festival di Cannes il film fuori concorso “Acqua d’argento” (ma’ al-fidda) che racconta gli orrori vissuti dagli abitanti di Homs, la città della Siria centrale che è stata assediata per oltre due anni e da qualche settimana “bonificata” dall’esercito del regime. Usama Muhammad e Wiam Simav Bedirxan, i due coregisti, hanno costruito a distanza, attraverso chat ed e-mail questo film, lui a Parigi, lei a Homs, e si sono incontrati di persona per la prima volta proprio all’anteprima mondiale del loro film a Cannes. Muhammad, originario di Latakia, è un famoso regista siriano da tre anni rifugiatosi a Parigi, dopo che non è potuto più tornare nel suo Paese perché proprio al Festival di Cannes nel 2011 aveva partecipato a una tavola rotonda sul tema “cinema e dittatura”. Un giorno, mentre cercava di contattare film maker in Siria, è stato contattato da Wiam Simav che da Homs gli chiedeva cosa avrebbe filmato se si fosse trovato con la macchina da presa al suo posto. Da quest’incontro è nato il film: nel corso dei mesi successivi, Wiam ha inviato video a Usama che ha iniziato a costruire il film combinando le riprese ai loro scambi di posta elettronica. Il film è la storia di questo dialogo tra i due e tra le immagini di violenza quotidiana di cui Simav è stata testimone. Ma non è solo questo: è anche una riflessione sul potere delle immagini e sul senso di colpa dell’esiliato. “Avevo l’illusione di essere un coraggioso difensore della verità, dei diritti umani, ma lo stavo facendo dalla mia camera a Parigi” – ha commentato Muhammad in un’intervista ad AFP. Il film raccoglie migliaia di immagini girate con i telefonini, caricate su Youtube e testimonia le atrocità commesse dal regime di Bashar al Asad contro il suo popolo. Non ci sono solo i video girati da Wiam Simav, ma anche quelli che lei ha ottenuto da soldati disertori. Ci sono video di persone torturate e uccise, filmate dagli autori stessi degli abusi. Ci sono immagini insopportabili di cecchini che sparano, di donne rapite per strada e di bambini che vengono ammazzati. È un mosaico di immagini, suoni e parole che ci trascina direttamente al centro dell’orrore della guerra, cui da spettatori siamo chiamati a partecipare in prima persona. “Morirò sotto tortura nello scantinato di un capo-shabbiha?” – chiede a un certo punto Wiam in un fuoricampo.

Tags: , , , , , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑