Politica Estera

Published on dicembre 27th, 2012 | by max

0

Germania: Esportare vecchi e malati nelle case di cura all’estero

L’altra faccia del Trattato di Shengen sulla libera circolazione dei cittadini all’interno della U.E. 

Vecchi e malati (gli scarti della produzione capitalista) posso essere liberamente esportati in altri paesi per non disturbare i processi produttivi. 

 

Un numero crescente di tedeschi anziani e malati vengono inviati all’estero per cure di lunga durata nei centri di pensionamento e di riabilitazione a causa dei costi crescenti e delle norme di austerità adottate in Germania.

Lo spostamento di migliaia di pensionati tedeschi rialloggiati nelle case dell’europa dell Est e in Asia, è stato duramente criticato dalle organizzazioni di benessere sociale che l’hanno ribattezzata una “deportazione disumana”.

Ma con un numero crescente di tedeschi che non possono più permettersi i costi elevati delle case di riposo, e una popolazione che invecchia e si riduce sempre più, il numero previsto di persone da inviare all’estero nei prossimi anni è solo destinato ad aumentare. Gli esperti già descrivono questo fenomeno come una “bomba a orologeria”.

Il settore sanitario soffre di mancanza di lavoratori e di costi molto elevati e per anni questo fenomeno è stato mitigato da lavoratori emigrati dai paesi dell’est.

Ma anche importando lavoratori meno costosi e spostando contemporaneamente malati ed anziani all’estero, il sistema non può funzionare.

La Germania ha uno dei tassi di invecchiamento più alti della popolazione di tutto il mondo. Le misure di austerità e le spese per la cura sempre crescenti stanno pregiudicando il livello di assistenza residenziale.

Il Deutschland Sozialverband (VDK) ha detto che il fatto che un numero crescente di tedeschi non siano più in grado di permettersi i costi di una casa di riposo nel proprio paese è un enorme “segnale di allarme”e ha sollecitato un intervento politico.

“Non possiamo lasciare che le persone che hanno costruito la Germania fino a essere ciò che è, che hanno dedicato tutta la loro vita al loro paese vengano espulsi”, ha detto il presidente di VdK, Ulrike Mascher. “E ‘disumano.”

I ricercatori hanno trovato circa 7.146 pensionati tedeschi che vivono in case di riposo in Ungheria nel 2011. Più di 3.000 sono stati inviati in case della Repubblica Ceca, e oltre 600 in Slovacchia. Si sconoscono i numeri in Spagna, Grecia e Ucraina. Thailandia e Filippine stanno attraendo un numero sempre maggiore di pensionati.

The Guardian ha intervistato molti di questi pensionati, alcuni dei quali hanno detto che erano lì per scelta, perché i costi erano più bassi – in media tra un terzo e due terzi dei prezzi in Germania – e per quello che percepivano era l’unico modo per usufruire di migliori standard di cura.

Ma altri erano evidentemente lì a malincuore.

Tags: ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑