Comunicati

Published on aprile 17th, 2015 | by Militant

0

I rigurgiti anticomunisti nell’Ucraina del golpe nazista

L’offensiva politica della giunta nazista di Kiev non accenna ad arrestarsi, sembra anzi trovare nuovo vigore nonostante le sconfitte militari subite nel Donbass per mano dei separatisti ucraini. L’ultimo scellerato atto della Rada, il parlamento ucraino, è stato infatti quello di approvare a larga maggioranza una legge d’iniziativa del governo che equipara l’ideologia nazista a quella comunista, con lo scopo di vietarne l’utilizzo dei simboli e la propaganda e di conseguenza qualsiasi attività politica riconducibile all’attività dei comunisti.
Se neanche la spudoratezza dei golpisti di Kiev può essere infatti in grado di riabilitare i principi criminali in nome dei quali i battaglioni paramilitari combattono oggi nella regione del Donbass, essa arriva invece al punto di delegittimare e di cancellare dalla propria storia quelle forze che circa settant’anni fa liberarono l’Ucraina dalla barbarie perpetrata dai nazisti tedeschi e dai collaborazionisti del criminale di guerra Stepan Bandera, il cui retaggio appartiene oggi ad un governo che aspira ad entrare nella democraticissima Unione Europea, con l’appoggio dell’Occidente tutto.
Ma i crimini ed i massacri che compiono le squadracce volontarie contro una popolazione civile che rivendica invece in buona parte la propria identità sovietica non passano inosservate, nonostante la censura generale, e trovano ampia documentazione anche fotografica che un giorno, si spera, assicurerà alla giustizia questi criminali di guerra.
La direzione intrapresa dal governo ucraino si trova sulla falsariga di quelle già operate da altri governi (quello polacco su tutti) appartenenti all’ex blocco sovietico, nel tentativo di soffocare definitivamente qualsiasi istanza di rafforzamento del movimento comunista internazionale che possa nuovamente intaccare gli interessi del grande capitale e dei suoi sgherri; non è inverosimile che, su questa scia delirante, una legislazione del genere possa essere promossa anche nei Paesi occidentali dove la reazione strisciante è tutt’altro che sopita.

Tags: , , , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑