Politica Estera no image

Published on febbraio 15th, 2012 | by Militant

0

Oggi la Grecia domani l’Italia

La Grecia mette in mostra senza veli le reali intenzioni della 
dittatura di classe del capitale.
Tagli selvaggi a stipendi e pensioni, distruzione completa di quel 
che resta dello stato sociale, in nome del dio-profitto e della 
servitù  alla Banca centrale europea e al fondo monetario 
internazionale.I proletari greci hanno capito che non esistono 
alternative alla lotta,che nel loro paese è guidata dai comunisti 
e dal sindacato di classe.
In Italia in tanti fanno gli scongiuri e nascondono la testa sotto la
sabbia come gli struzzi. Ma la legge della miseria relativa crescente,
la "legge assoluta del Capitale" spazzerà ben presto via i refrattari 
e gli ignavi. E' tempo di lottare, e di comprendere che l'unica
alternativa al futuro di miseria nera che ci riserva il capitale è 
il comunismo.
Intanto da alcuni messaggi su Twitter giunge una notizia che nessuna
fonte ufficiale ha confermato: in Grecia le banche non stanno 
rifornendo i bancomat, impedendo di fatto alla gente di ritirare 
denaro liquido. 
Una notizia che, se venisse confermata, farebbe esplodere anche 
quei pochi che ancora non sono scesi in piazza, mettendo in crisi 
la permanenza del dominio di classe borghese in Grecia.
Noi ci auguriamo che la lotta dei proletari greci possa essere 
la scintilla  in grado di dar fuoco alla prateria. Mobilitiamoci sin 
da subito, spezziamo la "pace sociale" tanto cara a Napolitano a 
Monti e ai padroni che essi rappresentano.

Tags: , ,


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑